APPUNTI IN MERITO AI CRITERI DI DETERMINAZIONE DEL REDDITO IMPONIBILE AGEVOLATO AI FINI DELLA DISCIPLINA DEL PATENT BOX. Dott. Filippo Varazi

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. PREMESSA – 2. LA RATIO DELLA DISCIPLINA – 3. I REQUISITI PER ACCEDERE AL BENEFICIO; 3.1 I requisiti soggettivi; 3.2 I requisiti oggettivi; 3.3 Le modalità di utilizzo del bene immateriale: diretto e indiretto; 3.4 Le spese di ricerca e sviluppo; 3.5 Il procedimento di ruling – 4. I CRITERI DI DETERMINAZIONE DELcontinua

LA FISCALITÀ DIRETTA DELLE OPERAZIONI DI FUSIONE E DI SCISSIONE DI ORGANISMI DI INVESTIMENTO COLLETTIVO DEL RISPARMIO. Dott. Luca Rossi – Dott. Antonio Privitera

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. PREMESSA – 2. INQUADRAMENTO CIVILISTICO E REGOLAMENTARE DELLE OPERAZIONI DI FUSIONE E DI SCISSIONE DI OICR – 3. PROFILI FISCALI DELLE OPERAZIONI DI FUSIONE E DI SCISSIONE DI OICR; 3.1 La neutralità fiscale delle operazioni di fusione e di scissione di OICR istituti in Italia; 3.2 La neutralità fiscale delle operazioni di fusionecontinua

LUCI ED OMBRE DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEL C.D. “CARRIED INTEREST”. Avv. Fabio Gallio – Avv. Simone Furian

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Brevi cenni sul regime fiscale applicabile ai dipendenti e agli amministratori – 3. Il momento dell’assegnazione dello strumento finanziario – 4. Il periodo di godimento degli strumenti finanziari partecipativi – 5. Conclusioni. 1. Premessa L’art. 60 del D.L. 24 aprile 2017, n. 50 (convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugnocontinua

QUESTIONI VARIE IN TEMA DI APPLICAZIONE DEL CANONE PER L’OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (COSAP). Dott. Eugenio Righi, in nota a Cass., sez. trib., 11 maggio 2017, sent. n. 11673

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

Com’è noto, nel quadro del riconoscimento di una più ampia autonomia tributaria e gestionale degli enti loca¬li, il D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, ha previsto, fra le tante innovazioni, dopo una originaria previsione di abolizione della tassa sulle occupazioni di spazi ed aree pubbliche dal 1° gennaio 1999, “abolizione” successivamente cancellata ancora prima checontinua

NOTE CRITICHE SULLA TEORIZZATA MA NON DIMOSTRATA POSSIBILITÀ DELL’AVVOCATURA DELLO STATO DI DIFENDERE L’AGENZIA DELLE ENTRATE NEI GIUDIZI DI CASSAZIONE SENZA NECESSITÀ DI UNO SPECIFICO CONFERIMENTO D’INCARICO. Avv. Monica Peronace, in nota a Cass. 19 luglio 2017, ord. nn. 17835, 17836 e 17837, Cass. 19 luglio 2017, n. 17803, Cass. 21 febbraio 2017, ord. n. 4459, e Cass. 14 dicembre 2016, n. 25679

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

NOTE CRITICHE SULLA TEORIZZATA MA NON DIMOSTRATA POSSIBILITÀ DELL’AVVOCATURA DELLO STATO DI DIFENDERE L’AGENZIA DELLE ENTRATE NEI GIUDIZI DI CASSAZIONE SENZA NECESSITÀ DI UNO SPECIFICO CONFERIMENTO D’INCARICO Le pronunce in commento sono accomunate dalla soluzione offerta a fronte della questione preliminare sollevata dalle parti private e riguardante l’inammissibilità o meno del ricorso per cassazione propostocontinua

GLI ATTUALI ASPETTI PENALI DELL’ELUSIONE FISCALE E DELL’ABUSO DEL DIRITTO*. Prof. Alessio Lanzi

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

GLI ATTUALI ASPETTI PENALI DELL’ELUSIONE FISCALE E DELL’ABUSO DEL DIRITTO* Con il D.Lgs. 5 agosto 2015, n. 128, molto è cambiato in relazione all’elusione fiscale e all’abuso del diritto. E tali cambiamenti riguardano anche direttamente conseguenze di carattere penale. Vediamo come. Innanzitutto va ricordato che con la normativa sopra indicata – che ha introdotto nellacontinua

IL PRINCIPIO DELLA VICINANZA ALLA PROVA NEL PROCESSO TRIBUTARIO. Dott. Antonino Russo

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. L’origine del principio della vicinanza alla prova – 2. I criteri applicativi – 3. Cenni sulle applicazioni, nel processo tributario, del principio di vicinanza alla prova – 4. Le principali casistiche scrutinate dal giudice tributario: a) il transfer pricing; b) le frodi carosello; c) l’abuso del diritto; d) la validità della sottoscrizione dell’accertamento;continua

LA NOTIFICA DELL’AVVISO DI ACCERTAMENTO A CONSEGNATARIO DIVERSO DAL DESTINATARIO: PERDURANO EQUIVOCI ED INCERTEZZE INTERPRETATIVE NELLA GIURISPRUDENZA DI LEGITTIMITÀ. Dott. Domenico Carnimeo

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La notificazione con o senza l’intermediazione di un “soggetto qualificato” – 3. L’irrilevanza di qualsiasi “legame” o rapporto tra consegnatario e notificatario – 4. Raccomandata informativa con o senza avviso di ricevimento? 1. Premessa Come abbiamo evidenziato in un precedente intervento su questa Rivista (1), la principale disposizione in materiacontinua

PRIME RIFLESSIONI SULLA DIRETTIVA EUROPEA ANTIABUSO (N. 2016/1164/UE). Prof. Maurizio Logozzo

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. I diversi settori affrontati dalla Direttiva – 3. La clausola generale antiabuso – 4. Il rapporto tra la clausola generale antiabuso e il progetto BEPS – 5. Il rapporto tra la clausola generale antiabuso e l’art. 10-bis dello Statuto dei diritti del contribuente. 1. Premessa La Direttiva c.d. antiabuso (Direttivacontinua

NULLITÀ DELL’AVVISO DI ACCERTAMENTO CHE RICHIAMA MA NON ALLEGA UN PROCESSO VERBALE DI CONSTATAZIONE REDATTO A CARICO DI TERZI: ORIENTAMENTI DEI GIUDICI DI VERTICE SULLA MOTIVAZIONE PER RELATIONEM. Dott. Luigi Lovecchio, in nota a Corte di Cassazione, sez. trib., 12 gennaio 2017, sent. n. 562

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

Massima ineccepibile della Suprema Corte che ribadisce un principio troppo spesso trascurato nelle prassi operative degli Uffici finanziari. Un contribuente aveva ricevuto un avviso di accertamento interamente fondato su di un processo verbale di constatazione, i cui esiti erano solo richiamati nell’atto, ma non allegati ad esso. A difesa del proprio operato l’Ufficio aveva rilevatocontinua