DAVANTI A QUALE GIUDICE SI IMPUGNA L’IPOTECA ISCRITTA A GARANZIA DI CREDITI “NON TRIBUTARI”? TORNA L’INCERTEZZA SU UNA QUESTIONE CHE PAREVA DEFINITIVAMENTE RISOLTA. Dott. Domenico Carnimeo

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Chi decide sull’impugnazione dell’iscrizione ipotecaria dell’agente della riscossione? – 3. Il revirement della Sezione Tributaria – 4. Una motivazione che non convince – 5. Considerazioni conclusive. 1. Premessa Com’è noto agli operatori del diritto, la giurisprudenza di legittimità nel corso del tempo può mutare e finanche contraddire se stessa, uncontinua

DETRAZIONE, RIMBORSO E RETTIFICA DELLA DICHIARAZIONE IVA TRA RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA E NUOVE DISPOSIZIONI*. Prof. Maurizio Logozzo

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. Il diritto alla detrazione IVA in caso di mancata osservanza di obblighi formali ed in particolare in caso di omessa dichiarazione: le sentenze delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione nn. 17757 e 17758 del 2016 – 2. Il rimborso IVA – 3. La dichiarazione integrativa IVA alla luce delle recenti modifiche legislative.continua

IL TRANSFER PRICE TRA ABUSO DEL DIRITTO E RIPARTO DEL POTERE IMPOSITIVO TRA GLI STATI. Prof. Mario Miscali

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La disciplina in materia di transfer price: i diversi orientamenti della dottrina e della giurisprudenza – 3. L’infondatezza della tesi secondo cui l’art. 110, settimo comma, del TUIR, disciplinerebbe una fattispecie elusiva – 4. Le operazioni intercompany abusive in quanto prive di sostanza economica e che realizzano essenzialmente vantaggi fiscalicontinua

OSSERVAZIONI SUL CONTRADDITTORIO PREVENTIVO NEL PROCEDIMENTO DI ACCERTAMENTO TRIBUTARIO. Avv. Fabio Benincasa

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

La realizzazione del precetto costituzionale che vincola il prelievo tributario alla capacità contributiva del soggetto passivo si combina con l’obbligo, anch’esso di derivazione costituzionale, di imparzialità e buon andamento della pubblica Amministrazione. A tal fine, com’è noto, nel corso degli anni l’evoluzione normativa è andata sempre più agevolando l’utilizzo di strumenti miranti alla proficua dialetticacontinua

IMPOSTA DI SOGGIORNO E COMUNI NON CAPOLUOGHI DI PROVINCIA. Dott. Eugenio Righi, in nota a Tribunale amministrativo regionale della Toscana, sez. I, 5 aprile 2017, sent. n. 647

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium, Senza categoria.

Pronuncia formalmente ineccepibile, stante il chiaro disposto dell’art. 4, primo comma, del D.Lgs. 14 marzo 2011, n. 23, recante “Disposizioni in materia di Federalismo fiscale municipale”, norma che – come si sa – ha reintrodotto nel nostro ordinamento tributario locale l’imposta di soggiorno già vigente dal 1910 al 1989, autorizzando l’istituzione e l’applicazione del nuovocontinua

SULLA SOTTOSCRIZIONE DEGLI ATTI PROCESSUALI PROVENIENTI DALL’AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA. Avv. Valdo Azzoni, in nota a Comm. trib. reg. del Lazio, sez. XVII, 2 febbraio 2017, n. 312

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

L’analisi della stringata motivazione merita un articolato approfondimento. Partendo dal principio. 1. Titolarità del potere di emanazione del provvedimento impositivo e sua delega Uno dei nodi nevralgici tanto del rapporto contribuente-fisco quanto della dialettica processuale che sul suo ceppo eventualmente si sviluppi ruota intorno alla domanda: chi deve dire e fare cosa, e in qualecontinua

RICHIESTA DI ESENZIONE DALL’ICI PER CAMBIO DI DESTINAZIONE DELL’IMMOBILE. Dott. Eugenio Righi, in nota a Cass., sez. VI, 28 marzo 2017, ord. n. 8017

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

A distanza di ormai sei anni dalla sua abolizione, l’imposta comunale sugli immobili, con i suoi problemi applicativi, richiama ancora l’attenzione e l’interesse di una vasta platea di operatori del settore immobiliare (dai possessori di immobili ai professionisti, tecnici e giuridici), nonché dei giudici tributari: la ragione principale di questa circostanza risiede nella scelta legislativacontinua

SULLA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA PER IL MANCATO ASSOLVIMENTO DELL’OBBLIGO DI INFORMAZIONE. Avv. Bruno Aiudi, in nota a Cass., sez. III, 23 giugno 2016, n. 13007]

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

Il dovere di diligenza previsto dal secondo comma dell’art. 1176 c.c. impone al professionista di fornire al suo cliente tutte le informazioni che, in relazione all’incarico ricevuto, rientrano nell’ambito della sua competenza. Ciò avendo cura di specificargli, precisa la pronuncia in rassegna, anche le questioni che esulino da questo ambito sicché egli possa autonomamente determinarsi,continua

LE MAGNIFICHE E PROGRESSIVE SORTI DEL PROCESSO VERBALE DI CONSTATAZIONE. Avv. Valdo Azzoni, in nota a Comm. trib. reg. della Lombardia17 maggio 2017, sent. n. 2101

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

Verdetto ineccepibile, da additare a modello in ragione dei nervi scoperti che tocca. Nondimeno abbisogna di qualche puntualizzazione tecnica. 1. Inquadramento della decisione In primo luogo, doverosamente la Commissione tributaria regionale della Lombardia si è presa sulle spalle il peso delle carenze riscontrate nella sentenza oggetto di riesame, ove – stando alle sue parole –continua