DA QUANDO DECORRE IL TERMINE PER ESEGUIRE IL VERSAMENTO DELLE IMPOSTE DOVUTE IN PENDENZA O A SEGUITO DI GIUDIZIO? Dott. Domenico Carnimeo, in nota a Corte di Cassazione 1° ottobre 2017, sent. n. 23784

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

1. Premessa La sentenza della Suprema Corte n. 23784/2017, qui in commento, merita di essere segnalata perché fornisce una dettagliata ricostruzione del complesso quadro normativo che disciplina la riscossione delle imposte, sanzioni ed interessi dovuti in base agli accertamenti, in pendenza o a conclusione dell’eventuale giudizio di impugnazione, al duplice fine di individuare sia ilcontinua

RIFIUTI SPECIALI E TARI: ENTRO 120 GIORNI IL GOVERNO, INADEMPIENTE E MESSO IN MORA, DOVRÀ REGOLARNE I CRITERI PER LA LORO ASSIMILABILITÀ AI RIFIUTI SOLIDI URBANI. Dott. Eugenio Righi, in nota a TAR del Lazio, sez. II-bis, 13 aprile 2017, sent. n. 4611

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

Il problema dei c.d. “rifiuti speciali” da considerare, ai fini dell’applicazione del prelievo obbligatorio per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, “assimilabili” a quelli ordinari urbani, è uno dei problemi più complessi e tormentati delle varie normative succedutesi negli anni in materia, accanto all’altro problema fondamentale della quantificazione dell’onere individuale dovuto dacontinua

LO SCHERMO DELLA SOCIETÀ ESTINTA IN CASO DI UTILI EXTRABILANCIO. Avv. Bruno Aiudi, in nota a Comm. trib. reg. delle Marche, sez. III, 7 febbraio 2017, sent. n. 58

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

Gli effetti legati alla cancellazione di una società dal Registro delle Imprese sono noti. L’art. 2495 c.c., nel testo successivo al D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6, sulla riforma del diritto societario, prevede che, approvato il bilancio finale, i liquidatori chiedano la cancellazione della società dal Registro delle Imprese. In seguito a ciò la societàcontinua

QUESTIONI VARIE IN TEMA DI APPLICAZIONE DEL CANONE PER L’OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (COSAP). Dott. Eugenio Righi, in nota a Cass., sez. trib., 11 maggio 2017, sent. n. 11673

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

Com’è noto, nel quadro del riconoscimento di una più ampia autonomia tributaria e gestionale degli enti loca¬li, il D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, ha previsto, fra le tante innovazioni, dopo una originaria previsione di abolizione della tassa sulle occupazioni di spazi ed aree pubbliche dal 1° gennaio 1999, “abolizione” successivamente cancellata ancora prima checontinua

NULLITÀ DELL’AVVISO DI ACCERTAMENTO CHE RICHIAMA MA NON ALLEGA UN PROCESSO VERBALE DI CONSTATAZIONE REDATTO A CARICO DI TERZI: ORIENTAMENTI DEI GIUDICI DI VERTICE SULLA MOTIVAZIONE PER RELATIONEM. Dott. Luigi Lovecchio, in nota a Corte di Cassazione, sez. trib., 12 gennaio 2017, sent. n. 562

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

Massima ineccepibile della Suprema Corte che ribadisce un principio troppo spesso trascurato nelle prassi operative degli Uffici finanziari. Un contribuente aveva ricevuto un avviso di accertamento interamente fondato su di un processo verbale di constatazione, i cui esiti erano solo richiamati nell’atto, ma non allegati ad esso. A difesa del proprio operato l’Ufficio aveva rilevatocontinua

BREVI NOTE SULLA NOMINA DEL DIFENSORE TRIBUTARIO E SULLA SUA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE. Avv. Bruno Aiudi, in nota a Corte d’Appello di Milano, sez. II, 5 aprile 2017, sent. n. 1448

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

1. Premessa Si discute della responsabilità professionale di un ragioniere commercialista. Il ricorso da lui proposto avanti la giustizia tributaria contro un avviso di accertamento era stato dichiarato inammissibile in quanto il mandato alle liti gli era stato conferito su foglio separato al ricorso stesso. Piuttosto che ricorrere in Corte di Cassazione contro la sentenzacontinua

TASSE SUI RIFIUTI SOLIDI URBANI: CONDIZIONI E PORTATA DELLE RIDUZIONI DISPOSTE PER MANCATO O IRREGOLARE SERVIZIO DI RACCOLTA. Dott. Eugenio Righi, in nota a Corte di Cassazione, sez. trib., 27 settembre 2017, ord. n. 22531

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

1. Come si rileva subito dalla lettura delle massime della pronuncia in commento, le questioni trattate sono nettamente distinte fra misura del prelievo e diritto alla sua riduzione. Pur trattando l’ordinanza in rassegna di questioni attinenti alla TARSU, tributo disciplinato dal D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507, abolito con l’entrata in vigore e funzione, dalcontinua

IRAP E ARTISTI: L’AGENTE NON FA AUTONOMA ORGANIZZAZIONE. Avv. Fausta Brighenti, in nota a Cass., sez. VI, 23 novembre 2016, ord. n. 23908

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

L’ordinanza in rassegna ha un merito notevole: quello di fornire agli operatori del settore una mini-guida per districarsi nei meandri dell’IRAP, una delle imposte notoriamente più travagliate. La Suprema Corte ribadisce quello che aveva già affermato a proposito degli artisti (come la nota soubrette televisiva della vicenda sub iudice): «secondo la consolidata giurisprudenza di codestacontinua

BREVI RIFLESSIONI SULLA COSIDDETTA IMPOSTA DI SBARCO. Dott. Eugenio Righi, in nota a TAR Piemonte, sez. II, 29 novembre 2017, sent. n. 1286

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

Va subito precisato che la controversia qui sopra esposta e decisa, essendo sorta nella fase di prima applicazione del nuovo tributo comunale (istituito con il D.L. 2 marzo 2012, n. 16, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 aprile 2012, n. 44, come “imposta di sbarco”), non tiene ovviamente conto della sua trasformazione successiva in contributocontinua

LA CORTE DI CASSAZIONE PERSEVERA NEL NEGARE LA SUSSISTENZA DI UN OBBLIGO GENERALE AL CONTRADDITTORIO ENDOPROCEDIMENTALE. Avv. Patrizia Accordino, in nota a Corte di Cassazione, sez. VI, 22 agosto 2017, ord. n. 20267

Pubblicato da & archiviato in Giurisprudenza, Home, Premium.

1. Premessa La Corte di Cassazione si sofferma, ancora una volta, sul tema del contraddittorio endoprocedimentale manifestando, purtroppo, la sua volontà di non discostarsi dalle conclusioni alle quali è pervenuta con la nota sentenza n. 24823 del 2015 (1) e, quindi, perseverando nel proporne una visione estremamente riduttiva. I risvolti comunitari, il convincimento di buonacontinua