NOTE CRITICHE SULLA TEORIZZATA MA NON DIMOSTRATA POSSIBILITÀ DELL’AVVOCATURA DELLO STATO DI DIFENDERE L’AGENZIA DELLE ENTRATE NEI GIUDIZI DI CASSAZIONE SENZA NECESSITÀ DI UNO SPECIFICO CONFERIMENTO D’INCARICO. Avv. Monica Peronace, in nota a Cass. 19 luglio 2017, ord. nn. 17835, 17836 e 17837, Cass. 19 luglio 2017, n. 17803, Cass. 21 febbraio 2017, ord. n. 4459, e Cass. 14 dicembre 2016, n. 25679

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

NOTE CRITICHE SULLA TEORIZZATA MA NON DIMOSTRATA POSSIBILITÀ DELL’AVVOCATURA DELLO STATO DI DIFENDERE L’AGENZIA DELLE ENTRATE NEI GIUDIZI DI CASSAZIONE SENZA NECESSITÀ DI UNO SPECIFICO CONFERIMENTO D’INCARICO Le pronunce in commento sono accomunate dalla soluzione offerta a fronte della questione preliminare sollevata dalle parti private e riguardante l’inammissibilità o meno del ricorso per cassazione propostocontinua

GLI ATTUALI ASPETTI PENALI DELL’ELUSIONE FISCALE E DELL’ABUSO DEL DIRITTO*. Prof. Alessio Lanzi

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

GLI ATTUALI ASPETTI PENALI DELL’ELUSIONE FISCALE E DELL’ABUSO DEL DIRITTO* Con il D.Lgs. 5 agosto 2015, n. 128, molto è cambiato in relazione all’elusione fiscale e all’abuso del diritto. E tali cambiamenti riguardano anche direttamente conseguenze di carattere penale. Vediamo come. Innanzitutto va ricordato che con la normativa sopra indicata – che ha introdotto nellacontinua

IL PRINCIPIO DELLA VICINANZA ALLA PROVA NEL PROCESSO TRIBUTARIO. Dott. Antonino Russo

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. L’origine del principio della vicinanza alla prova – 2. I criteri applicativi – 3. Cenni sulle applicazioni, nel processo tributario, del principio di vicinanza alla prova – 4. Le principali casistiche scrutinate dal giudice tributario: a) il transfer pricing; b) le frodi carosello; c) l’abuso del diritto; d) la validità della sottoscrizione dell’accertamento;continua

LA NOTIFICA DELL’AVVISO DI ACCERTAMENTO A CONSEGNATARIO DIVERSO DAL DESTINATARIO: PERDURANO EQUIVOCI ED INCERTEZZE INTERPRETATIVE NELLA GIURISPRUDENZA DI LEGITTIMITÀ. Dott. Domenico Carnimeo

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La notificazione con o senza l’intermediazione di un “soggetto qualificato” – 3. L’irrilevanza di qualsiasi “legame” o rapporto tra consegnatario e notificatario – 4. Raccomandata informativa con o senza avviso di ricevimento? 1. Premessa Come abbiamo evidenziato in un precedente intervento su questa Rivista (1), la principale disposizione in materiacontinua

PRIME RIFLESSIONI SULLA DIRETTIVA EUROPEA ANTIABUSO (N. 2016/1164/UE). Prof. Maurizio Logozzo

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. I diversi settori affrontati dalla Direttiva – 3. La clausola generale antiabuso – 4. Il rapporto tra la clausola generale antiabuso e il progetto BEPS – 5. Il rapporto tra la clausola generale antiabuso e l’art. 10-bis dello Statuto dei diritti del contribuente. 1. Premessa La Direttiva c.d. antiabuso (Direttivacontinua

LA NUOVA DISPOSIZIONE SUL CARRIED INTEREST. Dott. Luca Rossi – Dott. Marina Ampolilla

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. PREMESSA – 2. I REQUISITI RICHIESTI DALLA NUOVA DISPOSIZIONE; 2.1 Investimento minimo; 2.2 La postergazione; 2.3 L’holding period – 3. ENTRATA IN VIGORE. 1. PREMESSA Il D.L. 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96 (di seguito, anche “Decreto”) ha recentemente disciplinato il regime fiscale delcontinua

LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI INDIVIDUALE E DI GRUPPO SULLA BASE DEL NUOVO ART. 27 DELLA CONVENZIONE TRA ITALIA E SVIZZERA. Dott. Pierpaolo Angelucci – Dott. Rossella Mangieri

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. AMBITO APPLICATIVO DEL NUOVO ART. 27; 1.1 L’ambito oggettivo; 1.2 L’ambito soggettivo; 1.3 Limiti temporali e procedurali – 2. RICHIESTE DI INFORMAZIONI NOMINATIVE; 2.1 Il criterio della verosimile rilevanza; 2.2 Modalità di individuazione dei soggetti; 2.3 Richiesta di gruppo nominativa relativa ai soggetti iscritti all’AIRE – 3. RICHIESTE DI INFORMAZIONI TRAMITE “MODELLI DIcontinua

GLI INCENTIVI FISCALI NELLA C.D. “LEGGE CONTRO GLI SPRECHI” E NELLA GESTIONE DELLE DERRATE ALIMENTARI: NUOVE IPOTESI DI TRIBUTO AMBIENTALE? Prof. Marco Allena

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. Introduzione: lo spreco alimentare – 2. La nozione di derrate alimentari e il principio di prevenzione – 3. La legge 19 agosto 2016, n. 166 – 4. Cessioni gratuite ed esenzione IVA – 5. Riflessioni sulla natura di tributo ambientale delle norme analizzate – 6. Dalle derrate alimentari ai rifiuti organici: il ruolocontinua

PRESCRIZIONE ORDINARIA O DECADENZA PER L’AZIONE ESECUTIVA DEL FISCO A SEGUITO DEGLI ACCERTAMENTI DEFINITIVI? Dott. Domenico Carnimeo

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La riscossione tramite ruolo – 3. Quale termine per la notifica delle cartelle di pagamento conseguenti ad avviso di accertamento definitivo per mancata impugnazione? – 4. Quale termine per la notifica delle cartelle di pagamento conseguenti agli avvisi di accertamento definitivi a seguito di sentenza? – 5. Quale termine percontinua

INTEGRAZIONI, ROGATORIE DI GRUPPO E CRONOLOGIA DEL CONTROLLO FISCALE NELLA NUOVA VOLUNTARY DISCLOSURE. Avv. Fabio Ciani

Pubblicato da & archiviato in Dottrina, Home, Premium.

Il perfezionamento del sub procedimento di regolarizzazione dei patrimoni esteri legittima l’ingresso nel patrimonio personale dell’evasore delle utilità bonificate. Invero ciò non basta a cancellare l’illiceità originaria del comportamento con cui l’indiziato de facto si è procurato i beni reinvestendo il risparmio fiscale: si vuole dire che la voluntary disclosure (di seguito VD) non affrancacontinua